Archivi tag: beledo

Freschi di stampa (Febbraio)

Fermo da mesi per l’impossibilità fisica di recensire adeguatamente la mole enorme di materiali accumulati, il blog(ger) prova a tornare in attività con una formula nuova: veloci segnalazioni di una o più novità discografiche giunte in redazione, scelte fra quelle che già al primo ascolto hanno impressionato positivamente.

Si parte con una (strana) coppia:

Emanuele Parrini – The Blessed Prince

con il violinista a capo di un quartetto che ne sostiene adeguatamente l’ormai consolidata maturità

e Beledo – Dreamland Mechanism

godibilissimo e variegato negli stili, è il debutto per Moonjune del talentoso chitarrista uruguagio, già recensito su queste pagine per il suo precedente album On a Mission

Buon ascolto

 

Annunci

The Avengers – On A Mission

cover_300p-widehttp://www.moonjune.com/mjr_web_2013/home_mjr/

Quartetto di chiara impronta elettrica, The Avengers è guidato dalla fluida mano di Beledo. Autore dell’intero repertorio, fatta eccezione per la cover di Portia, l’axeman sudamericano è affiancato da tre solidissimi musicisti: spicca la presenza del tastierista Adam Holzmann, già collaboratore di Miles Davis negli anni ’80. Efficace anche la sezione ritmica, pur se mai in primo piano, con il duttile Lincoln Goines al basso ed il preciso drumming di Kim Plainfield.

Fra i brani più interessanti, la serrata On A Mission, posta in apertura, dove il chitarrista uruguagio paga un breve ma chiaro tributo ad Allan Holdsworth, sua evidente fonte di ispirazione anche per la successiva ballad After All. Ben riuscito inoltre il simil-tango sincopato di Rauleando, e la conclusiva Jimmy O’Donnell’s Air, dalla frase sottilmente malinconica, da cui si avvia poi un tappeto funky a sostegno dell’ incisivo sviluppo, con Holzmann a sostenere il finale.

Ben calibrato negli interventi solistici, con la sei corde e i synth a svolgere un ruolo pressochè paritario, il disco regala un ascolto piacevole, a tratti coivolgente. Le trame non riservano particolari sorprese o innovazioni, restando nell’alveo del jazz-rock classico, ma la qualità tecnica elevata dei quattro strumentisti determina comunque un buon prodotto finale.