SIKELÉ ORKESTRA – A winging flock (2014)

sikele.jpg

Labirinti sonori LS 012

In concomitanza quasi perfetta con l’esibizione che ha chiuso l’edizione 2014 della rassegna Labirinti Sonori, l’omonima e coraggiosa etichetta sicula presenta anche l’uscita discografica dell’ampio organico denominato SIKELÉ ORKESTRA, una ventina di musicisti assemblati per la volontà del drummer Antonio Moncada; per una volta tanto è significativa (seppur breve) la press release firmata dallo stesso leader, dalla quale  prendiamo a prestito un piccolo stralcio che bene inquadra il contesto: “un’orchestra con l’intento di liberare la Musica da chi la vuole relegare alle oscene celebrazioni del potere, al servilismo dell’intrattenimento ossequiante o al servizio di una promozione commerciale”.

Nel cospicuo minutaggio l’orchestra è cangiante negli umori e colori: meditativa, swingante, solenne, potente e misuratamente “indisciplinata”, svolge le sue trame in lunghe e complesse composizioni del direttore Stefano Maltese, raccolte in un ampio arco temporale che copre più di venti anni. Gli arrangiamenti sono calibrati in maniera da mettere in luce anche il buon estro dei solisti, fra i quali citiamo il co-leader Carlo Cattano, incisivo e determinante sia al baritono come nella iniziale Five Fine Fires, che al flauto nella successiva title-track, dedicata  al grande compositore contemporaneo Tōru Takemitsu*, e assolutamente torrenziale al soprano sull’ostinato incedere di Way to Nowhere (to John Tchicai)**, dove appare in grande spolvero anche il chitarrista Paolo Sorge.

All’ascoltatore il compito e piacere di trovare i richiami e riferimenti all’una o altra formazione analoga, anglosassone o mitteleuropea o afroamericana o italiana che sia. Al tirar delle somme, un disco bello, ben suonato, per ampi tratti sorprendente (in quest’ottica avremmo forse evitato il bluesaccio finale, ma tant’è…), un lavoro meritevole della dovuta attenzione e molto gratificante negli esiti d’ascolto.

*del quale, divagando un attimo, ci piace ricordare la bellissima November steps

** altra dedica mica da poco…

  1. FIVE FINE FIRES (1978) 17:21
  2. A WINGING FLOCK (2007) 13.17 (To Toru Takemitsu)
  1. SINGING TREES (2008) 10:08 (To Pierpaolo Faggiano)
  1. MALACHI MAGHOSTUT (2010) 8:48 (To Malachi Maghostut Favors)
  1. SAND ON HAND (2010) 7:05
  2. WAY TO NOWHERE (2004) 16:32 (To John Tchicai)
  1. I GOT THE BLUES (1983) 4:35

Personnel

Stefano Maltese – conduction, compositions, arrangements

Gioconda Cilio – voice

Carlo Cattano – soprano & baritone sax, flute, alto flute

Gaetano Cristofaro – tenor sax, Bb & bass clarinet

Ferdinando D’Urso – alto & tenor sax, flute

Giovanni La Ferla – alto & baritone sax

Ivan Cammarata – trumpet & flugelhorn

Salvo Pavano – trumpet & flugelhorn

Sebastiano Bell’Arte – French horn

Corrado Bell’Arte – trombone

Giuseppe Consiglio – trombone

Paolo Sorge – electric guitar

Erika Ragazzi – violin

Giuseppe Guarrella – cello

Sandro Sciarratta – double bass

Giovanni Caruso – marimba

Antonio Moncada – drums

Alessandro Borgia – percussion

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...