Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble – Faces and Tales (2013)

400x403-images-stories-Faces_and_Tales_cover_-_Rudi_Records_2013

RRJ1013 Rudi Records 2013

http://www.rudirecords.com/store

Ampio organico in sapiente bilanciamento timbrico far ance, ottoni e corde, The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble dà alle stampe “Faces and Tales”, doppio CD registrato dal vivo in occasione del sessantesimo compleanno del leader, Daniele Cavallanti, autore di tutti gli originali in programma.

A metà strada fra il Coltrane delle formazioni “orchestrali” (Africa/Brass, Ascension), quasi esplicitamente citato nella lunga suite Trance Minutes, e le pagine piu riuscite del jazz di derivazione anglosassone e sudafricana, ben documentate dall’etichetta Ogun, il disco è ricco di temi freschi e ben sostenuti da una ritmica solida e dinamica, in uno svolgimento che suona al tempo stesso classico e contemporaneo.

Lungi dall’essere mera operazione celebrativa, questo lavoro mostra con chiarezza l’energia e l’urgenza espressiva di musicisti che a dispetto della pluridecennale esperienza suonano ancora con intensità e vigore mai sopiti, come Actis Dato e Trovesi, ben affiancati da musicisti di più recente notorietà, come Silvia Bolognesi ed Andrea Di Biase, comunque riconducibili ad un’analoga apertura mentale ed alveo musicale.

L’ascolto è fluido e sempre piacevole, saggiamente misurate le fasi più introverse e ad alto tasso improvvisativo, come Wenders, con il drumming puntillista e libero di Tononi a fare da ponte verso la successiva/suggestiva ballad Eastwood, dove è Emanuele Parrini in evidenza, a riportare alla mente il piglio spigoloso del compianto Renato Geremia.

Pleonastico citare altri brani, è l’insieme ad essere emozionante come di rado accade di questi tempi. Ascolto altamente raccomandato, sia per chi ama l’Instabile, Centipede, Ark, la Brotherhood of Breath, ma anche e soprattutto per chi ancora non conoscesse a fondo queste formazioni. In più, il doppio CD ha il prezzo di un singolo: cos’altro chiedere?

1-1 Creative Mesa (D.Cavallanti) 18.03
1-2 Shadows (D.Cavallanti) 3.16
1-3 Cassavetes (D.Cavallanti) 5.58
1-4 Bertolucci (D.Cavallanti) 6.40
1-5 Jarmush (D.Cavallanti) 3.29
1-6 Wenders (D.Cavallanti) 9.53
1-7 Eastwood (D.Cavallanti) 8.10
2-1 Trance Minutes (D.Cavallanti) 18.26
2-2 Sound of Hope (D.Cavallanti) 11.02
2-3 African Flower (D.Ellington) 7.16
2-4 Things Ain’t What They Used To Be (M.Ellington/T.Pearson) 11.00
2-5 Raphael’s Walk (D.Cavallanti) 4.35

Personnel:

Daniele Cavallanti – tenor/baritone sax, nay flute
Gianluigi Trovesi – alto sax
Carlo Actis Dato – baritone sax, bass clarinet
Luca Calabrese – trumpet
Lauro Rossi – trombone
Emanuele Parrini – violin
Fabrizio Puglisi – piano
Silvia Bolognesi – doublebass
Andrea Di Biase – doublebass
Tiziano Tononi – drums

Recorded live on May 2012, AH UM Jazz Festival, Milan

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...