Hugh Hopper/Simon Picard/Steve Franklin/Charles Hayward – Numero D’Vol ** Hugh Hopper/Jumi Hara Cawkwell – Dune

Assiduo sperimentatore ed esploratore del suono, strumentista e compositore di rango (Facelift, Kings and Queens, Virtually… l’elenco sarebbe lunghissimo) Hugh Hopper non ha certo bisogno di presentazioni, forte di una quarantennale carriera indissolubilmente legata all’avventura sonora nota come Soft Machine.

Al fianco delle emanazioni di quella indimenticabile stagione (da Gilgamesh a Soft Heap, fino ai più recenti Soft Works e Soft Machine Legacy), l’attività parallela del bassista di Canterbury non ha disdegnato, in particolare negli ultimi tempi, la pratica dell’improvvisazione (quasi) radicale: ne sono testimonianza queste due prove discografiche, pubblicate dall’etichetta Moonjune.

L‘uscita più recente è “Dune“, frutto di due sessioni a cavallo fra il 2007 e il 2008, nelle quali il bassista di Canterbury è affiancato dalla poliedrica performer Jumi Hara Cawkwell, ex psichiatra, qui vocalist e tastierista, ma attiva anche in diversi contesti sonori (drum’n’bass) come DJ Anakonda.

I dieci brani del disco ci restituiscono un Hopper in buona forma, ancora ispirato e creativo, che armato del fido strumento elettrico dispensa a più riprese suggestivi paesaggi sonori, conditi dal solito, sapiente uso delle distorsioni e da un misurato e incisivo uso di loops campionati.

Più di una perplessità, invece, desta la prova della partner, il cui apporto appare qui condizionato da un ventaglio espressivo limitato, caratterizzato da un pianismo spesso monocorde, involuto e privo di dinamica, ai limiti della naiveté, nonostante i vari titoli e dottorati in composizione acustica ed elettroacustica citati nelle note biografiche.

Ne risulta, nel complesso, un disco dagli esiti disuguali, che alterna momenti ben riusciti (Seki no Gohonmatsu, Hopeful Impressions of Happiness) a fasi in cui il percorso dei suoni si avvita su sé stesso, restando allo stadio larvale.

1. Long Dune
2. Shiranui
3. Seki no Gohonmatsu
4. Circular Dune
5. Scattered Forest
6. Hopeful Impressions Of Happiness
7. Awayuki I
8. Awayuki II
9. Distant Dune
10. Futa

Hugh Hopper – bass guitar, loops, electronics
Yumi Hara Cawkwell – voice, keyboards, percussion

Ben altra sostanza, a nostro avviso, si ritrova in “Numero D’Vol“, senz’altro il titolo giusto per chi abbia voglia di ascoltare le alchimie di Hugh, in analogo contesto, con il supporto di talenti più consolidati.

La registrazione di queste 11 tracce risale al 2002, ma la pubblicazione avviene ben cinque anni dopo. E’ l’unica occasione in cui i quattro abbiano suonato in questa configurazione, organizzata e fortemente voluta da Hopper, che aveva già incrociato le strade dello storico drummer Charles Hayward e del tastierista Steve Franklin (rispettivamente, nel progetto Oh Moscow! di Lindsay Copper e nelle prime formazioni In Cahoots di Phil Miller). A completare l’organico, il sassofonista Simon Picard.

Siamo nell’ambito della composizione istantanea, affrontata con piglio energico, pienezza di volumi e timbri, uso marcato del riff e della tensione ritmica. Ne risulta un oggetto sonoro affascinante e godibile, mutevole alle diverse prospettive d’ascolto (rilassato, analitico, critico, fazioso), che riesce a scompaginare le abituali coordinate senza mai accelerare oltre misura il passo o divenire sterilmente puntillista, come può accadere quando idee e/o tecnica latitano.

Al contrario, qui il controllo dei materiali è evidente in ogni situazione, dalla sorprendente partenza della title-track, quieta e venata di un tocco dub-ambient, alla evolvente e “progressiva” On The Spot, che in rapida successione ci presenta il fuzz-bass di Hopper a introdurre uno sfrangiato tappeto minimalista delle tastiere che ricorda Terry Riley, per proseguire su un’ostinata pulsazione della batteria che sostiene lo sviluppo di un incisivo solo di sax.

Sfogliando le altre pagine, molto belle anche Free Bee e Bootz, quasi lineari nel loro svolgersi, lacerti di spurio jazz che vedono Picard in grande spolvero e il trio a rendere angoloso il tutto, con le liquide note del piano di Franklin ed i mutevoli accenti di basso e batteria.

Anche se la forza del disco sta nell’ottima interazione fra i quattro, riteniamo doveroso rimarcare le prove dei singoli, a partire dai due nomi meno noti, Franklin e Picard, che forniscono una prestazione superba, potente e nitida, all’altezza dei più celebri compagni di viaggio: Hayward, la cui fantasiosa intensità ritmica risulta determinante anche in un contesto diversissimo da quelli a cui ci ha abituato (come This Heat o Camberwell Now), e Hopper, brillante e misurato, nume tutelare di un progetto probabilmente irripetibile, fatto che accresce il valore già alto di questo “Numero D’Vol“.

1. Numero D’Vol (9:23)
2. On The Spot (8:53)
3. Earwigs Enter (4:17)
4. Free Bee (6:01)
5. Get That Tap (5:58)
6. Bootz (3:15)
7. Shovelfeet (4:59)
8. Bees Knees Man (7:39)
9. Straight Away (6:26)
10. Twilight (4:51)
11. Some Other Time (2:37)

Hugh Hopper – Bass Guitar
Simon Picard – Saxophone
Charles Hayward – Drums
Steve Franklin – Keyboards

In memoria di Hugh Hopper  (29 aprile 19457 giugno 2009)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...