The Wrong Object – Stories from the Shed

di Alfonso Tregua

018MJR018 – 2008

Disco dall’impatto notevolissimo, questo “Stories From The Shed” è un compendio della ricca inventiva del chitarrista belga Michel Delville, autore della maggior parte dei brani, affiancato da un efficace e rodato quartetto con il quale vanta prestigiose collaborazioni dal vivo (Elton Dean, Harry Beckett, Annie Whitehead e Ed Mann fra gli altri).

La scelta di registrare “live” in studio, senza alcun uso di sovraincisioni, è indice di grande padronanza e sicurezza, e garantisce fluidità all’ascolto, lasciando spazio ad un uso equilibrato dell’improvvisazione, in un impianto comunque costruito in maniera assai meticolosa.

Difficilissimo citare un’influenza diretta: in filigrana traspare un percorso che va dall’art-rock al progressive per approdare al jazz europeo di matrice contemporanea; affiorano qua e là frammenti di Zappa, del Dr. Nerve, dei progetti Masada di John Zorn, ma il tutto è sminuzzato e rielaborato in maniera personale.

Melodie sghembe e fraseggi intricati, una creativa attitudine a spiazzare l’ascoltatore, continue sorprese timbriche nella fitta tessitura, che pur essendo alquanto complicata non smarrisce quasi mai il filo rosso della coerenza, sono gli elementi caratteristici di questo lavoro, in più punti davvero riuscito e coinvolgente.

Pur ricordando a sprazzi, nei momenti ad elevata energia, il Terye Rypdal più duro, Delville rivela anche una personale e feconda voce strumentale, parca nell’uso degli effetti; scevro dal narcisismo per gran parte del disco, si concede con parsimonia l’occhio di bue, come nel conclusivo The Unbelievable Truth – part II (brano già proposto in versione live nel pregevolissimo side-project “Elton Dean & The Wrong Object – The Unbelievable Truth”).

Fra gli altri, merita particolare menzione Laurent Dechambre, con il suo drumming irregolare e fantasioso, seppur solidissimo nella pulsazione ritmica, che sostiene ed integra il percorso sonoro dei solisti, senza limitarsi ad accompagnarlo.

Tirando le somme, al di là di qualche episodico calo di intensità, un disco da raccomandare, un invito a sfuggire alle ovattate confezioni dei soliti noti, un ascolto che può rappresentare una salutare sferzata per molti apparati auricolari.

  1. Sonic Riot At The Holy Palate
  2. 15/05
  3. Sheepwrecked
  4. Acquiring the Taste
  5. Lifting Belly
  6. Malign Siesta
  7. Theresa’s Dress
  8. Rippling Stones
  9. Theresa’s Dress – Reprise
  10. Strangler Fig
  11. Waves and Radiations
  12. Saturn
  13. The Unbelievable Truth – Part I
  14. The Unbelievable Truth – Part II

Michel Delville electric & synth guitar, electronics

Fred Delplancq tenor sax

Jean-Paul Estiévenart trumpet

Damien Polard bass guitar, electronics

Laurent Delchambre drums, assorted percussion, samples, electronics

http://www.moonjune.com/

http://www.wrongobject.com/

http://www.myspace.com/wrongobject

Annunci

Un pensiero su “The Wrong Object – Stories from the Shed

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...