Mahogany Frog – DO5

 di Alfonso Tregua

cover_73153062009MJR 020

Bello e potente nell’impatto, che miscela con onnivora disinvoltura massicce sonorità chitarristiche di stampo hard con i timbri di tastiere tipicamente seventies (Farfisa e ARP fra le altre), questo DO5 apre interessanti spiragli nella costruzione di un prog contemporaneo, esclusivamente strumentale,  fresco e coinvolgente.

La trama è ruvida, non si lavora di cesello ma in questi casi è un bene, il prodotto ne guadagna in immediatezza. Non mancano opportuni spunti di follia controllata, come il finale “surf” di You’re Meshugah!, ad arrricchire e variare una costruzione complessiva che trova le sue principali fonti di ispirazione in contesti assai diversi e temporalmente lontani (si colgono echi e colori zappiani e crimsoniani, fino a giungere a sprazzi che richiamano, sviluppandola in direzioni meno opprimenti e monocordi, la cupezza di gruppi come Mono o Mogwai).

Stupenda l’incalzante Medicine Missile, ottima la lunga suite T-Tigers & Toasters, ma su tutto svetta la conclusiva Loveset, epica e solenne, un trip di sei minuti che coniuga le atmosfere psichedeliche dei primi Pink Floyd con una linea melodica in stile Sigur Ros, per poi chiudere con timbri chitarristici bassi e distorti, che si spengono alle soglie del rumore.

Un disco che regge alla prova di più ascolti, un gruppo che promette interessanti evoluzioni…. saremo lì a seguirle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...